I cookie ci aiutano a offrire i nostri servizi. Utilizzando il nostro sito Web, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Saperne di più.

Cosa vedere e cosa fare nei giardini di Villa Borghese

I giardini di Villa Borghese a Roma sono considerati uno dei più grandi parchi urbani d'Europa. Il suo fascino sta nel fatto che comprende stili diversi, dai giardini all'italiana alle grandi aree di edifici in stile inglese, sculture, monumenti, fontane e laghetti.

Luisa María Lugo

Luisa María Lugo

9 minuti di lettura

Cosa vedere e cosa fare nei giardini di Villa Borghese

Villa Borghese a Roma | ©Marina Gr

I giardini di Villa Borghese sono in realtà uno dei migliori parchi della città di Roma. Nel 1901, lo Stato acquistò i giardini dalla famiglia Borghese a causa della cattiva situazione economica che stava attraversando e li aprì al pubblico il 12 luglio 1903.

Ecco cosa potete vedere e fare nei giardini di Villa Borghese se avete intenzione di visitare Roma. Questo grande parco si distingue dagli altri parchi iconici per la sua armoniosa combinazione di natura e arte romana. Visitare questi giardini è una delle cose da fare assolutamente durante un viaggio a Roma. Prendete nota e consultate questa mappa dei giardini per individuare tutti i siti che vi consiglio.

1. I 9 ingressi ai giardini di Villa Borghese

Vista esterna dell'ingresso di Porta Pinciana| ©Gustavo La Pizza
Vista esterna dell'ingresso di Porta Pinciana| ©Gustavo La Pizza

Se desiderate visitare questo grande parco, dovete sapere che ha 9 ingressi. I più frequentati dai visitatori sono i seguenti:

  • La Porta Pinciana, una delle antiche porte delle mura aureliane di Roma.
  • Le Rampe del Pincio da Piazza del Popolo, attraverso le quali si raggiunge la terrazza del Pincio. Da lì si può godere della vista più spettacolare della città di Roma.
  • L'ingresso monumentale di Piazzale Flaminio.

Una volta entrati nel parco, rimarrete affascinati dai suoi giardini e dagli alberi frondosi che simulano una natura selvaggia.

Prenota i biglietti per la Galleria Borghese

2. Il cuore di Roma e i suoi 80 ettari

Visita a Villa Borghese| ©Andy Montgomery
Visita a Villa Borghese| ©Andy Montgomery

Un'altra cosa che vorrei dirvi è che questo parco ha grandi spazi aperti dove è possibile praticare qualsiasi attività e sport.

Quali attività si possono svolgere lì? Innanzitutto, se amate le passeggiate, questo grande parco vi offre la possibilità di percorrere tutte le aree godendo del paesaggio, delle fontane e dei monumenti storici di artisti barocchi, neoclassici ed ecclesiastici e, soprattutto, delle affascinanti sculture di Villa Borghese.

Se volete percorrere la maggior parte del parco in un giorno, potete anche noleggiare biciclette per una persona, biciclette per famiglie, Segway e persino piccole auto elettriche.

Questo magnifico parco dispone anche di un trenino, un'opzione eccellente per riposarsi e allo stesso tempo conoscere la zona. Il viaggio dura circa 35 minuti e costa circa 3 euro.

Prenota una visita guidata alla Galleria Borghese

3. La fontana dei cavalli marini

Fontana dei Cavalli Marini a Villa Borghese| ©Cidadania en Italia
Fontana dei Cavalli Marini a Villa Borghese| ©Cidadania en Italia

Il disegno è opera di Cristoforo Unterperger, pittore di origine tirolese che Papa Pio VI Brashi stimava molto. È stata realizzata da Vincenzo Pacetti, restauratore e scultore di fiducia di Marcantonio.

All'interno di una vasca circolare sul pavimento, si vedono quattro cavalli con corpi simili a pesci che sorreggono un'altra vasca, mentre altre fonti d'acqua scorrono attraverso le loro zampe e code.

Acquista una visita guidata privata della Galleria Borghese

4. Noleggiare una barca

Navigazione in barca a Villa Borghese| ©Tin-Tin Azure
Navigazione in barca a Villa Borghese| ©Tin-Tin Azure

Arrivando al magico giardino del lago, si ha la possibilità di noleggiare barche e di osservare da vicino il tempio dedicato ad Esculapio, costruito alla fine del XVIII secolo. Per i Romani, Esculapio era il dio della medicina e della guarigione.

Il costo del noleggio di una barca è di circa 4 euro per gli adulti e 2 euro per i bambini (minimo 2 persone). La possibilità di pagaiare sul lago per circa 20 minuti vale la pena.

5. Orologio ad acqua del Pincio

Idrocronometro a Villa Borghese.| ©Mattes
Idrocronometro a Villa Borghese.| ©Mattes

Al centro di uno degli stagni si trova un orologio, esempio di ingegneria del XIX secolo. Fu costruito nel 1867 da Giambattista Embriaco, un sacerdote domenicano appassionato di orologeria, e dall'architetto svizzero Joachim Ersoch. Oggi è pienamente operativo.

6. La Galleria Borghese

Galleria e Museo Borghese| ©Matt Kieffer
Galleria e Museo Borghese| ©Matt Kieffer

La Galleria Borghese è uno dei migliori musei di Roma, con sculture impressionanti. Contiene opere raccolte dalla famiglia Borghese tra il XV e il XVII secolo e realizzate dai migliori artisti del Rinascimento e del Barocco.

Prima di visitare questa galleria bisogna sapere che è necessario prenotare i biglietti per la Galleria Borghese per un giorno e un orario specifico. E una volta terminata la visita, che dura circa 2 ore, la galleria deve essere completamente vuota per accogliere il gruppo successivo. In bassa stagione è consigliabile prenotare il biglietto con almeno un mese di anticipo e in alta stagione con almeno 2 mesi di anticipo.

Ricordate che avete solo 2 ore per vedere ben quattro secoli di arte. Per questo motivo, vi consiglio di prenotare una visita guidata, in modo da poter apprezzare tutta la storia che si cela dietro ogni opera d'arte.

Prenota i biglietti per la Galleria Borghese

7. Scultura di Venere vincitrice (Paolina Borghese) di Canova

Paolina Borghese| ©pom-angers
Paolina Borghese| ©pom-angers

Fu Paolina Bonaparte, moglie di Camillo Borghese, a posare nuda per lo scultore neoclassico italiano Antonio Casanova. Questa scultura ha suscitato grande scalpore nel corso dei secoli per la sua bellezza e per i magnifici dettagli dello scultore.

Si vedono le pieghe del lenzuolo, le dita dei piedi, dove si vedono anche le unghie. Si può anche vedere il peso del modello sul materasso, oltre ad altri dettagli che è impossibile non notare se si ammira questo lavoro impressionante.

8. Il David del Bernini

David di Bernini| ©Andy Montgomery
David di Bernini| ©Andy Montgomery

Gian Lorenzo Bernini scolpì il suo David a soli 25 anni, nel 1623, anche se il retro è incompiuto, poiché in origine era destinato a essere attaccato a una parete. Oggi è esposto al centro della sala.

Si tratta di un'opera molto interessante, in quanto Bernini ha utilizzato uno specchio per definire i dettagli di se stesso (sì, è un autoritratto) e per vedere l'espressione facciale che vediamo nel suo David.

9. Apollo e Dafne di Bernini

Apollo e Dafne di Bernini| ©Ángela Varela Neila
Apollo e Dafne di Bernini| ©Ángela Varela Neila

Questa scultura mostra anche il lavoro fedele del Bernini, che ha usato il carboncino per evidenziare le espressioni facciali di entrambe le figure. Mostra la delicatezza della veste di Apollo e il realismo spettacolare della trasformazione della pelle di Dafne in corteccia d'albero. Bernini considerava l'Apollo il suo capolavoro.

10. Scultura del Ratto di Proserpina del Bernini

Scultura Il ratto di Proserpina| ©Ana Rey
Scultura Il ratto di Proserpina| ©Ana Rey

Quest'opera è molto suggestiva perché può indurre a chiedersi come il Bernini sia riuscito a far affondare le dita di Plutone nella coscia di Proserpina. Può essere difficile credere che si tratti di una scultura in marmo dall'incredibile realismo.

Questa scultura racconta la storia di Plutone, re degli inferi, e Proserpina, figlia di Giove e Cerere. Quando viene rapita, è costretta a vivere con Plutone, Cerere va alla ricerca della figlia e raggiungono un accordo in base al quale Proserpina vive metà anno negli inferi e metà sotto il sole della madre.

Secondo questa mitologia, per metà anno la terra fiorisce e nell'altra metà piove, a causa delle lacrime di Cerere in attesa della figlia.

11. Dipinto di Davide con la testa di Golia di Caravaggio

Dipinto di Davide con la testa di Golia| ©Carmelo Peciña
Dipinto di Davide con la testa di Golia| ©Carmelo Peciña

Questa tela ha una storia interessante. È accaduto che Caravaggio abbia ucciso Ranuccio Tomassoni in un duello. Il padre di Tomassoni era vicino a Papa Paolo V, che quando seppe dell'accaduto condannò Caravaggio a morte. Dovette fuggire sull'isola di Malta, dove, dopo quattro anni, il Papa decise di graziarlo.

Al suo ritorno a Roma fu imprigionato a Napoli. Mentre si trovava lì, dipinse questa tela che inviò al Papa, dove utilizzò il suo volto per raffigurare Golia decapitato. Tuttavia, Caravaggio non raggiunse mai Roma e la sua morte rimane un mistero.

12. Bioparco, Zoo di Roma

Tigri del Bioparco| ©Gabriele Spalla
Tigri del Bioparco| ©Gabriele Spalla

Si tratta dello zoo romano all'interno di Villa Borghese, che ospita oltre 1.000 animali e 200 specie diverse. Tra cui felini, scimpanzé e orsi. Dispone inoltre di un'ampia esposizione botanica.

È uno degli zoo più antichi d'Europa. È stato fondato nel 1908 e creato da Carl Hagenbeck, che ha cercato di progettare un tipo diverso di zoo. La struttura permette agli animali di risiedere liberamente senza essere chiusi in gabbie, mantenendo una chiara divisione con il pubblico.

13. Silvano Toti Globe Theatre

L'interno del Silvano Toti Globe Theatre| ©Larry Koester
L'interno del Silvano Toti Globe Theatre| ©Larry Koester

La creazione del Silvano Toti Globe Theatre è stata resa possibile dalla Fondazione Silvano Toti, un'associazione creata dalla famiglia Toti per onorare la memoria di Silvano. Alcuni lo considerano una copia del Globe Theatre di Shakespeare a Londra.

Raccomandazioni per visitare Villa Borghese

Visita a Villa Borghese| ©Jocelyn Erskine-Kellie
Visita a Villa Borghese| ©Jocelyn Erskine-Kellie

Ecco quelle che considero le cose più importanti da tenere in considerazione quando si visita questo parco:

  • Vi ricordo che si tratta di un parco piuttosto grande e che, se avete intenzione di percorrerlo a piedi, è molto importante che indossiate le calzature giuste e che siano comode.
  • Non dimenticate la bottiglia d'acqua.
  • Indossate abiti freschi se andate in estate, perché può fare molto caldo.
  • Se volete migliorare la vostra esperienza, potete programmare la vostra visita a Villa Borghese di sera. In questo modo avrete l'opportunità di godere di una vista davvero spettacolare sullo skyline di Roma attraverso i giardini e la terrazza del Pincio.
  • Procuratevi una mappa, che vi aiuterà a navigare più facilmente nei giardini e vi indirizzerà verso le attrazioni che attirano la vostra attenzione.
  • Nel giardino ci sono pochi bagni pubblici, ma in caso di urgenza si può andare in quello all'interno della Galleria Borghese se si è acquistato il biglietto.
  • Anche se nel parco ci sono opzioni di ristorazione, è possibile fare un picnic sotto gli alberi.

Raccomandazioni per chi va con i bambini

I bambini si godono Villa Borghese| ©Stefano Cocchi
I bambini si godono Villa Borghese| ©Stefano Cocchi

Dovete tenere conto di tutte le raccomandazioni che vi ho dato nel segmento precedente, soprattutto quella di portare l'acqua. I piccoli hanno un'energia inesauribile e hanno bisogno di idratarsi.

Il parco consente di praticare sport e giochi, quindi potete portare con voi un pallone, una racchetta o qualsiasi altro strumento sportivo per giocare con i bambini.

Infine, se avete acquistato i biglietti per la Galleria Borghese, potete portare i vostri bambini al teatro dei burattini del San Carlino. Lo spettacolo presenta Pulcinella, un personaggio popolare creato a Napoli. Questa attrazione è stata progettata per intrattenere i più piccoli mentre gli adulti guardano la galleria d'arte.

Sia in questo meraviglioso parco che in tutta Roma ci sono molte attività che potete programmare con i vostri bambini. Pertanto, vi invito a leggere la mia guida sulle 10cose da fare a Roma con i bambini.

Informazioni generali su Villa Borghese

Parco VIlla Borghese| ©Sonse
Parco VIlla Borghese| ©Sonse
  • Come arrivare? È possibile prendere l'autobus, il tram o la metropolitana. Se decidete di prendere la metropolitana, potete leggere la seguente guida alla metropolitana di Roma. All'esterno del parco ci sono diverse fermate da cui è possibile scendere e raggiungere a piedi qualsiasi ingresso.
  • Indirizzo: Piazzale Napoleone I, 00197 Roma RM, Italia.
  • Biglietto d'ingresso: l'ingresso è gratuito Tuttavia, è necessario pagare per entrare in attrazioni come la Galleria Borghese.
  • Orari di apertura: I giardini sono aperti dal lunedì al venerdì, tutto il giorno, fino al tramonto.
  • Quando è il momento migliore per andare? Se volete andare quando è meno affollato, potete andare la mattina presto o la sera.

Se volete visitare Roma prima o poi, o state già pianificando tutto, vi auguro una buona vacanza! Godetevi tutta la storia e i paesaggi che vi troverete.

Prenota i biglietti per la Galleria Borghese