10 cose da fare a Firenze a marzo

Se vi recate a Firenze a marzo, vi starete chiedendo cosa troverete oltre al suo imponente patrimonio artistico. Ecco alcuni degli eventi più interessanti

Joaquín Montaño

Joaquín Montaño

10 minuti di lettura

10 cose da fare a Firenze a marzo

Vista dall'alto di Firenze, Italia | ©Siegfried Poepperl

Per la sua storia e la sua arte, Firenze è senza dubbio una di quelle destinazioni da visitare almeno una volta nella vita, indipendentemente dal periodo in cui si viaggia. Il suo stupendo Duomo, il magnifico Ponte Vecchio, la sua gastronomia e i suoi musei sono sufficienti per trascorrere qualche giorno nel capoluogo toscano.

A marzo, inoltre, il tempo comincia a migliorare, ma non c'è ancora stato un afflusso massiccio di turisti.

In questo mese, che segna la fine dell'inverno e l'inizio della primavera, la città celebra questo cambiamento con varie feste e attività.

1. Assaggiate le zeppole il giorno di San Giuseppe

Zeppole| ©David Horn
Zeppole| ©David Horn

Come il resto d'Italia, anche Firenze celebra il giorno di San Giuseppe (festa del papà) il 19 marzo. Il piatto più tipico sono le zeppole, la cui ricetta è originaria di Napoli e che potrete imparare prenotando un corso di cucina italiana a Firenze. Si tratta di un anello di pasta fritta ripieno di crema pasticcera che può essere anche cotto al forno e servito con miele, cannella e vaniglia.

Si dice che la festa sia iniziata in Sicilia nel Medioevo, quando i cittadini implorarono San Giuseppe di porre fine alla peste in cambio di commemorare il giorno lasciando grandi quantità di cibo sul suo altare. Per questo motivo, se vi recate alla Chiesa di San Giuseppea vedrete come alcuni fiorentini lasciano sull'altare ogni tipo di cibo da distribuire tra i bisognosi.

Un'altra tradizione tipica di questo giorno è che i genitori ricevano un regalo dai loro figli. Se siete andati a Firenze con dei bambini, può essere una buona occasione per farli divertire alla ricerca di qualcosa di speciale.

Prenota un corso di cucina italiana a Firenze

2. Il 25 marzo si chiude l'anno fiorentino.

Capodanno fiorentino| ©Zolli
Capodanno fiorentino| ©Zolli

Non è necessario andare a Firenze a dicembre per godersi i festeggiamenti per dare il benvenuto al nuovo anno. Il 25 marzo, giorno dell'Annunciazione, si celebra il cosiddetto Capodanno fiorentino con vari festeggiamenti e sfilate.

La storia di questa festa risale all'epoca in cui non esisteva un calendario civile unificato e Firenze celebrava il cambio dell'anno in coincidenza con la festa religiosa dell'Annunciazione di Maria. Nel 1582, Papa Gregorio XIII approvò ilcalendario gregoriano e chiese che tutti i popoli lo adottassero, con il 1° gennaio come primo giorno dell'anno. Leone X, uno dei papi fiorentini della famiglia Medici, insistette in seguito affinché ciò avvenisse per promuovere il commercio. Firenze ignorò a lungo questo mandato e continuò a festeggiare il Capodanno a marzo.

Solo nel 1750 fu costretta a cambiare il calendario, come ricorda un'iscrizione in marmo in piazza della Signoria, che si può vedere se si prenota un biglietto per gli Uffizi per vedere i migliori dipinti della Galleria degli Uffizi. Nonostante ciò, Firenze non ha rinunciato alla sua tradizione e, oggi, in piazza Santissima Annunziata si tiene una grande fiera e un corteo storico.

Acquista il tuo biglietto per la Galleria degli Uffizi

3. Non trattenetevi alla Fiera del Cioccolato

Fiera del cioccolato| ©Sailko
Fiera del cioccolato| ©Sailko

Sappiamo tutti che gli eccessi non sono una buona cosa, soprattutto quando si tratta di dolci. Tuttavia, se il vostro soggiorno a Firenze coincide con la Fiera del Cioccolato, l'unica cosa che potete fare è gustare questa prelibatezza.

Anche se non ha una data fissa, di solito si tiene nei primi giorni di marzo e potrete vedere veri e propri maestri cioccolatieri che realizzano i loro prodotti, oltre a degustare le diverse varietà offerte nelle bancarelle allestite in Piazza Santa Croce.

Un programma ideale dopo aver goduto di una visita guidata a Santa Croce, un luogo da cui passano solitamente molte visite guidate di Firenze.

Prenota una visita guidata a Santa Croce

4. Visitate i migliori musei prima che arrivi la folla

Galleria degli Uffizi| ©Andres Alvarado
Galleria degli Uffizi| ©Andres Alvarado

Il clima nel capoluogo toscano a marzo comincia a riscaldarsi, anche se può essere ancora piuttosto freddo. Inoltre, anche se i turisti non mancheranno mai, si può dire che questo è l'ultimo mese in cui non troverete grandi folle.

Entrambi i motivi rendono questo periodo perfetto per visitare i migliori musei di Firenze: non solo sfuggirete al freddo esterno, ma potrete ammirare ilDavid di Michelangelo e altre opere dell'Accademia se prenotate una visita alla Galleria dell'Accademia, vedere l'interno di Palazzo Pitti o prenotare una visita guidata alla Galleria degli Uffizi in modo più rilassato e senza essere spinti.

Inoltre, anche se non si sa se l'iniziativa continuerà nei prossimi anni, i musei statali hanno istituito la cosiddetta Settimana dei Musei, alcuni giorni in cui si poteva entrare gratuitamente.

Prenota una visita alla Galleria dell'Accademia

5. Gustate il miglior cibo italiano a Fuori di Taste

Fuori di Taste| ©Gustavo Vino
Fuori di Taste| ©Gustavo Vino

Marzo è anche il mese in cui si svolge l'evento gastronomico più importante di Firenze: Fuori di Taste, organizzato da Pitti Taste alla Stazione Leopolda.

Sebbene una parte delle strutture sia dedicata ai professionisti, anche il grande pubblico può venire ad assaggiare e conoscere i migliori sviluppi culinari. In questa fiera troverete piatti provenienti datutta la penisola italiana. Se li confrontate con quelli dei vari tour gastronomici di Firenze, vedrete le differenze che esistono in ogni regione e che la loro ricchezza in questo settore va oltre la pasta e la pizza.

Tuttavia, se siete appassionati di entrambi i prodotti, i più tipici d'Italia, assicuratevi di prenotare un corso di cucina di pizza e gelato a Firenze.

Prenota un corso di pizza e gelato a Firenze

6. Scoprire i luoghi di Dante nel suo tempo

Basilica di Santa Maria Nouvella| ©Commonists
Basilica di Santa Maria Nouvella| ©Commonists

L'Italia ha dichiarato il 25 marzo Giornata nazionale di Dante Aligheri. Vi suggerisco di fare un breve tour di alcuni dei luoghi legati a questo grande scrittore.

Dopotutto, Firenze è stata la sua città di nascita e dove ha vissuto fino all'esilio del 1302. La scelta di questa data non è casuale, poiché è il giorno in cui inizia il famoso viaggio della sua opera più importante, La Divina Commedia. Per la visita che vi consiglio potete andare a piedi o approfittare di uno degliautobus turistici di Firenze.

  • Basilica di Santa Maria Novella: Dante frequentava lo Studium, all'epoca uno dei più importanti centri di studio teologico e filosofico del continente. Nella Cappella degli Spagnoli si può ammirare un ritratto del poeta.
  • Museo del Bargello: all'epoca di Dante era un edificio dedicato all'amministrazione. Nelle sue sale il poeta fu condannato all'esilio.
  • Chiesa dei Santi Apostoli: secondo alcuni studiosi, l'atmosfera di questa chiesa ha ispirato a Dante la visione del Limbo.
  • Palazzo Vecchio: nel PalazzoVecchio, che Dante non riuscì a vedere completamente costruito, si trova la maschera funeraria dello scrittore.
  • Badia Fiorentina: questo bellissimo edificio è una parte fondamentale della vita del poeta. Secondo la leggenda, fu qui che incontrò l'amata Beatrice, che divenne la sua musa.
  • Quartiere dantesco: caratterizzato da stradine strette e case-torri, molti sostengono che Dante abbia vissuto in questa zona e, infatti, nel XIX secolo vi fu costruita la Casa di Dante, che ospita un museo sul poeta. Nel quartiere sono state collocate anche trentatré cosiddette lapidi dantesche, per non dimenticare il legame di Dante con il quartiere e per ricordare i personaggi della sua opera.
  • Chiesa di Santa Margherita Cerchi: ospita la tomba di Beatrice.
  • Piazza del Duomo: tra le tante cose da vedere in Piazza del Duomo c'è il Battistero di San Giovanni, dove il poeta fu battezzato e che viene nominato nella sua cantica dell'Inferno.
  • Abbazia di San Miniato al Monte: attraversando il Ponte alle Grazie si raggiunge la ripida scalinata della Via Crucis che porta all'abbazia. Dante ha paragonato la salita alla Montagna del Purgatorio nella Divina Commedia.

Prenota il bus turistico di Firenze

7. Festeggiate l'arrivo della primavera nei fantastici giardini di Firenze

Giardino di Boboli| ©Andrey O!
Giardino di Boboli| ©Andrey O!

Con l'avanzare del mese di marzo e l'avvicinarsi della primavera, il clima di Firenze diventa gradualmente più caldo e si manifesta nei favolosi giardini, rendendo questo mese ideale per una passeggiata. I fiorentini stessi iniziano a riempire i parchi e talvolta vi si svolgono eventi culturali.

  • Giardino di Boboli: fa parte della storia dei Medici e quindi di Firenze. Vi si accede da Palazzo Pitti ed è uno degli unici in città in cui è richiesto un biglietto d'ingresso. Dalle parti più alte del palazzo si gode di una splendida vista. Passeggiando lungo i suoi sentieri troverete statue, grotte, fontane e una splendida vegetazione.
  • Parco di Villa il Ventaglio: essendo situato su una delle colline nella parte nord-orientale di Firenze, questo giardino è uno dei meno visitati dai turisti. Costruito nel XVI secolo, fu concepito per assomigliare ai giardini all'inglese, con un laghetto, prati, un bosco e sentieri che portano in cima alla collina.
  • Parco delle Cascine: considerato l'area verde più importante in una città che non ne ha molte, Le Cascine si estende lungo una delle rive dell'Arno, a nord del centro storico. Originariamente era destinata a riserva di caccia per la famiglia Medici. Al suo interno si trovano un velodromo, un anfiteatro, chioschi dove è possibile acquistare bevande, fontane e persino alcuni piccoli palazzi rinascimentali.
  • Giardino delle rose: è forse il più noto dei giardini di Firenze. Si trova molto vicino a Piazzale Michelangelo e offre una vista impareggiabile. Come indica il nome, l'attrazione principale sono le rose, anche se ospita molte altre varietà di piante.

Prenota una visita guidata del Giardino di Boboli

8. Venite a San Gimignano per vivere la festa di Santa Fina.

Vista aerea di San Gimignano| ©Stefano Costantini
Vista aerea di San Gimignano| ©Stefano Costantini

Una gita da Firenze è da prendere in considerazione se si ha intenzione di rimanere in città per diversi giorni. C'è una vasta gamma di opzioni, sia che vogliate noleggiare un tour organizzato sia che vogliate andare per conto vostro.

Una delle migliori escursioni che potete fare dalla città a marzo è quella a San Gimignano, soprattutto se la fate coincidere con la festa di Santa Fina, la sua patrona. Il grande giorno della festa è il12 marzo, quando le 14 torri medievali della città vengono adornate di violette bianche in onore di Santa Fina.

Oltre al significato religioso, la celebrazione è anche un benvenuto alla rinascita della vita in primavera, quando i campi e le vigne producono di nuovo i loro frutti. Nelle piazze del paese ci sono diverse bancarelle che vendonoartigianato e cibo, oltre al fantastico vino della denominazione d'origine Vernaccia. Come se l'attrazione della festa non bastasse, San Gimignano è considerato uno dei borghi più belli d'Italia ed è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.

Come arrivare da Firenze

  • Escursione organizzata: senza dubbio, prenotare un'escursione a San Gimignano è il modo migliore per arrivarci da Firenze. Le escursioni spesso visitano altri interessanti borghi della zona.
  • Autobus: l'autobus richiede un cambio di autobus. Per cominciare, recatevi alla stazione Busitalia SITA Nord, accanto alla stazione ferroviaria di Santa Maria Novella. Vi consiglio di controllare gli orari, ma di solito partono ogni 30 minuti in direzione di Poggibonsi. Qui dovrete prendere un altro autobus che vi lascerà a cinque minuti dal centro storico di San Gimignano.
  • Auto: se avete un'auto, il percorso è abbastanza facile e raggiungerete la città in circa un'ora.

Prenota un'escursione a San Gimignano

9. Non perdetevi lo Scoppio del carro, una delle tradizioni più curiose di San Gimignano

Scoppio del carro| ©Monica Kelly
Scoppio del carro| ©Monica Kelly

Se la domenica di Pasqua cade in marzo potrete assistere a una delle tradizioni più curiose: lo Scoppio del Carro, un evento che risale alla prima crociata intrapresa dai cristiani europei nel tentativo di conquistare Gerusalemme nel 1099. Quando i crociati raggiunsero il loro obiettivo e per festeggiare, il fiorentino Pazzino de'Pazzi salì sui bastioni per collocare una bandiera bianca e cremisi.

Quando Pazzi tornò a Firenze, collocò le reliquie nel suo palazzo, ma in seguito furono trasferite nella Chiesa dei Santi Apostoli, dove sono ancora visibili. Da allora, la domenica di Pasqua viene acceso un fuoco con le pietre davanti alla Cattedrale di Santa Maria dei Fiore e i giovani si recano sul posto con le torce. La celebrazione di oggi inizia intorno alle 10 nella Chiesa dei Santi Apostoli.

Lì viene acceso un cero con le pietre dei Pazzi e inizia la processione verso la Cattedrale. Contemporaneamente, un carro trainato da buoi parte da Piazza Porta al Prato con la stessa destinazione. Il carro è accompagnato da 150 soldati, musicisti e rappresentanti del calcio storico. Una volta raggiunta la porta del Duomo, la carrozza viene unita con un cavo di ferro a una colonna al centro del coro del tempio. La Colombina, una sorta di razzo che dà fuoco alla carrozza, viene trasportata da questo cavo. Subito dopo inizia un grande spettacolo pirotecnico.

10. Vivere il giorno di San Patrizio: un po' d'Irlanda a Firenze

Festeggiare il giorno di San Patrizio| ©Violeta
Festeggiare il giorno di San Patrizio| ©Violeta

Anche se non è una festa italiana, Firenze celebra il giorno di San Patrizio in modo molto importante. Se vi trovate in città il 17 marzo, non esitate a vestirvi di verde e a partecipare ai 3 giorni di festeggiamenti a Firenze. Festeggiamenti, eventi speciali e concerti, senza dimenticare il cibo e la birra irlandese.

Uno degli eventi più interessanti è l'Irish Festival al TuscanyHall Theatre, dove potrete assistere a spettacoli di musica e danza celtica. E come in ogni festa di San Patrizio degna di questo nome, il centro della festa è nei pub irlandesi.

Firenze ne ospita più di venti, anche se alcuni sono più autentici di altri. Il mio consiglio è che se volete sentirvi come se steste trascorrendoqualche ora a Dublino durante il vostro soggiorno a Firenze e, naturalmente, assaggiare una buona Guinness, dovete andare al:

Il tempo a Firenze in marzo

Firenze dall'alto| ©Jonathan Komer
Firenze dall'alto| ©Jonathan Komer

Il clima a Firenze comincia a riprendersi dal freddo invernale, anche se non è ancora mite.

Le temperature sono fresche, con massime medie di 16°C e minime di 5°C. Per quanto riguarda le precipitazioni, marzo è un mese piuttosto instabile. Sebbene non sia il periodo più piovoso dell'anno, possono verificarsioccasionalmente forti rovesci, soprattutto la sera.

Prenota una visita guidata di Firenze

Marzo è un buon mese per visitare Firenze?

Fotografare Firenze| ©Jackie Jabson
Fotografare Firenze| ©Jackie Jabson

Poche città al mondo offrono così tante cose da vedere come Firenze. Anche se ci sono opinioni per tutti i gusti, personalmente credo che marzo sia uno dei mesi migliori per visitare la città.

Tanto per cominciare, non fa freddo come a gennaio e febbraio e le ore di luce cominciano ad allungarsi con l'avanzare del mese. Tuttavia, la città è ancora abbastanza tranquilla in termini di affluenza turistica. A differenza dell'alta stagione, potrete entrare nei suoimusei, cattedrali e chiese con una certa calma, cosa impossibile in estate.

Prenota un tour in bicicletta a Firenze