I cookie ci aiutano a offrire i nostri servizi. Utilizzando il nostro sito Web, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Saperne di più.

Lisbona in 3 giorni: consigli, cosa vedere e molto altro

Se abbiamo tre giorni per visitare Lisbona, avremo il tempo di vedere i monumenti principali e di fare una gita nei dintorni.

Carlos Bleda

Carlos Bleda

7 minuti di lettura

Lisbona in 3 giorni: consigli, cosa vedere e molto altro

Vista su Lisbona | ©Louis Paulin

Se state programmando un viaggio di 3 giorni a Lisbona, dovreste sapere cosa vedere a Lisbona in quel periodo. Fortunatamente, 72 ore sono sufficienti per conoscere gli elementi essenziali della capitale portoghese e per visitare uno dei siti più importanti della città.

Per approfittare al massimo del vostro viaggio, vi lascio questo itinerario di tre giorni pensato per vivere al meglio la città portoghese. Dapprima conoscerete il centro storico di Lisbona e tutti i suoi monumenti, il secondo giorno lasceremo la città per visitare il villaggio di Sintra e ci riserveremo l'ultimo giorno per conoscere a fondo il famoso quartiere di Belém.

Giorno 1: Centro storico: quartieri Alfama, Baixa, Chiado e Bairro Alto

Quartiere Alfama| ©Louis Droege
Quartiere Alfama| ©Louis Droege

Il primo giorno di un viaggio di tre giorni a Lisbona può essere dedicato alla conoscenza del centro storico della città. Questa parte è composta dai quartieri Alfama, Baixa, Chiado e Bairro Alto. Questi quartieri adiacenti ospitano molte delle principali attrazioni turistiche della città e possono essere esplorati in una giornata a piedi. Ecco i luoghi imperdibili da visitare in ciascuno di essi:

Mattinata nel quartiere di Alfama

Il luogo ideale per iniziare la nostra visita a Lisbona è il quartiere Alfama. Questo quartiere si sviluppa sotto il castello di San Jorge e nelle sue ripide strade si respira l 'autentica essenza di Lisbona. Originariamente un quartiere di pescatori, oggi è diventato il quartiere più autentico della capitale e il luogo di nascita del Fado, il genere musicale più popolare del Portogallo.

Questo quartiere offre diversi luoghi da visitare. A cominciare dai suoi punti panoramici, Portas do Sol e Santa Lucia, che offrono una vista splendida e completa della città. Il Castello di San Giorgio, il Pantheon Nazionale e la Cattedrale di Lisbona sono altri luoghi da non perdere in questo quartiere.

Alfama è anche un buon posto per immergersi nella cultura di Lisbona. Grazie ai suoi mercati, ai suoi musicisti di strada e ai luoghi dove ascoltare il fado portoghese e ai suoi ristoranti dove si può gustare la gastronomia tradizionale della città.

Prenota una visita guidata dell'Alfama

Passeggiata nella Baixa e nel Chiado

Piazza Pedro IV a Lisbona| ©Thomas
Piazza Pedro IV a Lisbona| ©Thomas

Dopo aver trascorso la mattinata nel quartiere Alfama, è il momento di visitare i quartieri Baixa e Chiado. Dall'Alfama si può scendere a piedi e iniziare a vedere questi quartieri attraverso la piazza Pedro IV. Accanto a questa bella piazza si trova il mercato della Baixa, dove si può approfittare per pranzare e poi passeggiare lungo Rua Augusta fino alla piazza del Comercio. Questa via dello shopping collega le due piazze più importanti di Lisbona.

Praça do Comércio è uno dei centri nevralgici della città. Si raggiunge attraversando l'Arco de Rua Augusta, al quale si può accedere per salire al suo punto panoramico. Nella piazza si trovano la statua di José I e il molo da cui si può ammirare il fiume Tago.

Concludere la giornata con una nota positiva

Nel pomeriggio possiamo passeggiare nel quartiere Chiado fino a tornare sui nostri passi lungo Rua do Ouro fino all'ascensore di Santa Justa. Si tratta di un ascensore che raggiunge una passerella alta 45 metri che collega i quartieri di Baixa e Chiado. Si può salire sulla sua terrazza che funge da punto di osservazione prima di uscire in cima e visitare il convento di Carmo.

La chiesa del convento, lasciata in rovina dopo il terremoto del 1755, è oggi visitabile e offre una vista da cartolina molto particolare. Raramente si vede una chiesa gotica il cui soffitto è il cielo stesso. Il convento ospita anche il museo archeologico di Do Carmo.

Le strade adiacenti al convento appartengono già al Bairro Alto di Lisbona. È un quartiere all'avanguardia pieno di vita e di attività ed è la zona ideale per cenare e concludere la giornata godendosi la vita notturna della città.

Prenota una visita guidata di Lisbona

Giorno 2: Escursione al villaggio di Sintra

Villaggio di Sintra| ©Drew Bae
Villaggio di Sintra| ©Drew Bae

Il secondo giorno del nostro soggiorno a Lisbona può essere utilizzato per una gita fuori porta. La destinazione vale quasi un'intera giornata. Si tratta della Villa de Sintral, un complesso di palazzi che dal 1995 è Patrimonio dell'Umanità.

In questo link troverete tutte le informazioni necessarie per andare da Lisbona a Sintra.Nel villaggio di Sintra c'è molto da vedere, quindi ci vorrà quasi un giorno intero per conoscerlo. I principali monumenti da visitare sono:

Palazzo Pena

Il Palazzo Pena è il monumento più conosciuto e visitato di Sintra grazie alla sua varietà architettonica e ai suoi colori sorprendenti. L'edificio è relativamente moderno, essendo stato costruito nel XIX secolo, ed è considerato uno dei palazzi più belli d'Europa. L'eclettismo è uno dei tratti distintivi del Palazzo Pena, con la sua mescolanza di stili come il romanico, il mudéjar e persino il gotico.

Sebbene il suo fascino principale risieda all'esterno, l'interno del palazzo può essere visitato ed è anch'esso spettacolare. Anche i giardini reali circostanti sono assolutamente da vedere. Il Palazzo Pena è uno dei monumenti più visitati del Portogallo e le code sono frequenti.

Prenota la tua visita al Palazzo Pena

Quinta da Regaleira

Quinta da Regaleira è un altro spettacolare palazzo del complesso di Sintra. Storicamente legato ai riti massonici, è un luogo ricco di simbolismi e di mistero, per cui si consiglia vivamente di visitarlo con una guida per scoprirne tutti i segreti.

Il pozzo iniziatico nei suoi giardini è uno dei suoi punti più impressionanti. Si tratta di una torre rovesciata, da cui il nome "pozzo", con una scala a chiocciola che corre lungo i suoi 9 piani.

Palazzo Nazionale di Sintra

Il Palazzo Nazionale di Sintra| ©Diego Delso
Il Palazzo Nazionale di Sintra| ©Diego Delso

Nel centro di Sintra, visibile da quasi tutta la città, si trova il Palazzo Nazionale. Si tratta di un singolare edificio in stile arabo coronato da due singolari camini. In questo caso l'attrazione principale è all'interno, poiché le sue sale presentano mosaici composti da tessere molto ben conservate.

Palazzo Monserrate

Il Palazzo Monserrate è meno conosciuto degli altri palazzi, ma si è guadagnato la reputazione di essere la gemma nascosta di Sintra. L'edificio presenta un'architettura chiaramente influenzata dallo stile arabo e uno spettacolare giardino con oltre 3.000 specie di piante esotiche.

Questi sono i luoghi essenziali di Sintra , ma ce ne sono altri che meritano una visita se avete tempo, come il Castelo dos Mouros, il Convento dos Capuchos o lo Chalet e il giardino della Contessa.

Prenota un'escursione a Sintra

Giorno 3: Belém in profondità

Il monastero dei Geronimi| ©Minh TRAN
Il monastero dei Geronimi| ©Minh TRAN

Tecnicamente, Belém non è un quartiere di Lisbona. Un tempo era una località separata, ma la crescita della capitale ha finito per assorbire quest'area, che ospita alcuni dei monumenti più noti della città e dell'intero Paese.

Il terzo e ultimo giorno a Lisbona conosceremo a fondo questa zona e visiteremo il Monastero dei Jerónimos e la Torre di Belém, due dei simboli più importanti di Lisbona, oltre ad altri monumenti ed esperienze tipiche di questa zona storica.

Il modo migliore per arrivarci è prendere il tram numero 15 dal centro. Ci vogliono circa 20 minuti. C'è una fermata in piazza Comercio e vicino alla piazza ci sono anche i moli da cui si può prendere una barca per navigare lungo il Tago come alternativa.

Prenota una visita guidata di Belem

Monastero di Jerónimos

La prima e più importante cosa da visitare a Belém è l'imponente Monastero dei Jerónimos. Dico prima perché è il monumento più visitato di Lisbona e tra le code e tutto ciò che c'è da vedere nel complesso, è facile che occupi gran parte della giornata. Tuttavia, tutto il tempo che trascorriamo lì è giustificato.

Il monastero è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità per il suo valore architettonico e artistico. Il suo chiostro e la sua chiesa furono il frutto dell'epoca d'oro delle scoperte in Portogallo e questo si riflette nella magnificenza del luogo.

Ilbiglietto d'ingresso per il Monastero dei Jerónimosè quasi obbligatorio. L'ingresso costa 10 euro ed è aperto tutti i giorni della settimana tranne il lunedì.

Assaggiate le torte di Belém

Dopo la visita al monastero è il momento di assaggiare una delle tradizioni più rinomate di Belém. I suoi dolci. Questi dolci di pasta sfoglia e crema sono stati prodotti dai monaci geronimi e si possono gustare in tutta Lisbona. Tuttavia, il luogo per eccellenza è la fabbrica originale situata proprio accanto al monastero.

Dopo aver pranzato e riposato, è quasi obbligatorio provare questi dolci con una tazza di caffè se si vuole vivere appieno l'esperienza di Lisbona.

Monumento alle scoperte

Questo spettacolare monumento alto 50 metri è stato costruito nel 1960 per commemorare il 500° anniversario della morte di Enrico il Navigatore e come tributo a tutti gli avventurieri e scopritori che hanno segnato la storia del Portogallo. Si trova sulle rive del Tago e per arrivarci basta attraversare l'ampio viale di fronte al monastero.

Torre di Belém

Torre di Belem| ©Jan Krutisch
Torre di Belem| ©Jan Krutisch

LaTorre di Bélem è uno dei simboli di Lisbona. Dal monumento delle scoperte basta seguire l'Avenida Brasilia in direzione ovest, lontano dal monastero, per arrivarci. In 5 minuti si arriva ai giardini e si trova la torre che si affaccia sul fiume.

Infatti, questo piccolo forte si protende nel Tago e, oltre al suo ruolo difensivo, fungeva anche da prigione e da faro. La sua architettura è piuttosto particolare per questo tipo di costruzione e si può entrare per visitare i sotterranei e la terrazza sul tetto con vista sul fiume. L'ingresso costa solo 6 euro. Non è obbligatorio, dato che le viste migliori si hanno dall'esterno, ma è consigliato se non c'è molta coda.

Dal bordo della torre si gode di una vista spettacolare sul fiume e sul Ponte 25 Aprile, il ponte sospeso più lungo d'Europa.

Musei di Belém

Se, dopo aver visto questi monumenti, vi rimane ancora del tempo e volete vedere altro, Belém offre la possibilità di visitare i suoi numerosi musei. Le opzioni disponibili sono: Il Museo della Carrozza, il Museo d'Arte Contemporanea Berardo, il Museo dell'Elettricità, il Museo d'Arte Popolare e il Museo Nazionale di Archeologia di Lisbona.

Quest'ultimo è il mio consiglio, poiché si trova nell'ala est del monastero geronimiano e ospita la più importante collezione archeologica del Portogallo. Ma come potete vedere, il quartiere di Belém ha qualcosa per tutti.

Il modo migliore per concludere il nostro viaggio a Lisbona è sulle rive del Tago nel quartiere di Belém e guardare il tramonto. Con questa cartolina non dimenticherete mai la vostra visita a Lisbona.

Prenota una visita guidata di Lisbona