I cookie ci aiutano a offrire i nostri servizi. Utilizzando il nostro sito Web, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Saperne di più.

10 cose da fare e vedere in Piazza Duomo a Milano

Piazza Duomo è il centro nevralgico della città e una tappa obbligata di ogni viaggio a Milano. Oltre alla cattedrale, ci sono decine di cose da vedere e da fare nei dintorni.

Matteo Gramegna

Matteo Gramegna

9 minuti di lettura

10 cose da fare e vedere in Piazza Duomo a Milano

Piazza del Duomo | ©kuhnmi

Attrazioni, siti storici, gastronomia... Piazza del Duomo è una meta imperdibile. Il Duomo di Milano è semplicemente stupefacente e vi consiglio di ritagliarvi un po' di tempo per ammirare la sua silhouette.

Il nostro articolo vi dice cosa vedere e fare a Milano e nella sua piazza più famosa.

1. Visitare il Duomo e salire sulla terrazza panoramica

Sulla terrazza del Duomo| ©Guilhem Vellut
Sulla terrazza del Duomo| ©Guilhem Vellut

Il Duomo di Milano è il protagonista indiscusso della piazza. È impossibile visitare Milano senza varcarne la soglia e, nella maggior parte dei casi, ogni viaggio inizia ai suoi piedi. All'interno, ciò che più risalta sono le vet rate che raccontano le storie delle Sacre Scritture ed episodi legati alla storia della città.

I vescovi chiamarono a Milano i migliori artisti dell'epoca per realizzarli e il risultato è semplicemente meraviglioso. Tra le vetrate più belle è impossibile non citare quella dell'Apocalisse (nella navata destra) o quella di San Michele Arcangelo, che raffigura il santo in lotta con il diavolo (nella navata sinistra).

L'interno del Duomo di Milano vi lascerà senza parole. È impossibile rimanere impassibili di fronte alle dimensioni di questa chiesa e alle possenti colonne che sembrano non finire mai.

Per una prospettiva panoramica, non c'è niente di meglio che prendere un ascensore o le scale per raggiungere il tetto della cattedrale. Sarete molto vicini a statue, gargoyle e guglie in marmo bianco di Candoglia. Si tratta di una pietra particolare che viene ancora estratta nell'omonimo villaggio. Si distingue per il colore bianco con venature rosa e grigio chiaro.

Oltre alle figure che rappresentano episodi biblici o la storia della città, il panorama è il protagonista indiscusso. Da qui si possono vedere alcuni edifici iconici: la Galleria Vittorio Emanuele, i grattacieli di Porta Garibaldi, la Torre Velasca (il grattacielo con le bretelle, questo è il suo soprannome), i tetti e le Alpi in lontananza.

Per maggiori informazioni vi consiglio di leggere il post su come salire sul tetto del Duomo.

Prenota il tuo biglietto per il Duomo di Milano

2. Passeggiata nella Galleria Vittorio Emanuele

All'interno della galleria| ©Jorge Láscar
All'interno della galleria| ©Jorge Láscar

Questo passaggio pedonale è stato costruito nel XX secolo per donare alla città un'elegante sala. Dall'esterno, il dettaglio più impressionante è il tetto formato da quattro volte a botte e da un'enorme cupola. L'edificio è dedicato al primo re d'Italia: Vittorio Emanuele II.

La galleria ospita ristoranti e negozi di lusso. Se si osserva attentamente, si nota che tutte le bancarelle commerciali hanno un'insegna con sfondo nero e scritte in oro. È una regola comune che persiste fin dalla fondazione. Se volete entrare in un bar storico, vi consiglio Camparino, che serve bevande dal 1915. Consiglio di ordinare un Negroni (Campari, gin, vermouth rosso e mezza fetta d'arancia) o uno Sbagliato (Campari, spumante, vermouth rosso e una fetta d'arancia). Sono molto tipici a Milano. Inoltre, potrete gustarli in un'elegante cornice Art Nouveau.

3. Assaggiate il famoso panzerotto di Luini

Panzerotto di Luini| ©Cernobbiodeluxe.com
Panzerotto di Luini| ©Cernobbiodeluxe.com

A pochi metri dal Duomo, nascosto in via Santa Radegonda, si trova il bar più famoso del centro storico: Luini. Non si vedono quasi mai le sue due vetrine perché di solito c'è la coda davanti all'ingresso. Il motivo? Il suo famoso panzerotto con pomodoro e mozzarella, un tipico pasticcio pugliese.

Se vi state chiedendo perché vi propongo una ricetta tipica di un'altra regione, la risposta è molto semplice: Milano è la capitale economica d'Italia e da decenni attira persone da tutto il Paese. Giuseppina Luini è stata una delle tante persone che nel secondo dopoguerra hanno lasciato il suo paese pugliese per stabilirsi nel capoluogo lombardo.

Luini ha iniziato a servire i panzerotti nel 1949 e ha visto la città crescere e cambiare, dalle ferite del conflitto ai frizzanti anni '80 fino ai giorni nostri. Oltre al tradizionale panzerotto, troverete gnocchi con melanzane, ricotta e spinaci, salame piccante, funghi e altri ingredienti gustosi. Potete scegliere tra due versioni - fritta o al forno - o provare altre ricette di questo storico locale. Si trova in via Santa Radegonda 16 ed è aperta dal lunedì al sabato, dalle 10:00 alle 20:00.

4. Visita al Museo del Novecento

Museo del Novecento| ©Paolobon140
Museo del Novecento| ©Paolobon140

Dal 2010, Piazza Duomo ha un nuovo inquilino: il Museo del Novecento. Come si può intuire dal nome, si concentra sulla produzione artistica del XX secolo, molto prolifica nel Paese transalpino. In questo periodo nasce il Futurismo, un movimento artistico che esalta la tecnologia e la modernità.

La collezione permanente riunisce capolavori del Futurismo - "Elasticità" e "Forme uniche della continuità nello spazio" di Umberto Boccioni sono i più famosi - e dipinti di artisti come Mondrian ("Faro a Westkapelle"), Amedeo Modigliani ("Béatrice Hastings") e Vasilij Kandinskij (Composizione 1916).

Il museo è aperto dal martedì alla domenica, dalle 10:00 alle 19:30. Se volete visitarlo di sera (e ne vale la pena, visto che dalle finestre si vede il Duomo illuminato), potete optare per il giovedì. In questo giorno l'istituzione culturale chiude alle 22:30. Consiglio di prenotare in anticipo. Per altri programmi dopo il tramonto, vi consiglio di leggere il post sulle 10 cose da fare a Milano di notte.

Prenota la tua escursione da Milano

5. Fare shopping

La Rinascente| ©Davide
La Rinascente| ©Davide

Nei portici accanto alla cattedrale si trova uno storico grande magazzino: La Rinascente. Ha più di dieci piani e ospita i più importanti marchi di abbigliamento e accessori, profumi, prodotti di bellezza, gioielli e articoli per la casa.

Se vi viene fame, potete soddisfarla nella Food Hall o nei suoi ristoranti. È aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 20:00. Sotto i portici si trovano altri negozi di abbigliamento delle più famose multinazionali.

6. Entrate a Palazzo Reale

Palazzo Reale| ©cristina.sanvito
Palazzo Reale| ©cristina.sanvito

Accanto alla cattedrale si trova la residenza dei re e dei governanti di Milano. Era il centro politico della città e al suo interno nasconde una splendida scalinata e diverse sale elegantemente decorate. L'attuale facciata si deve all'architetto Giuseppe Piermarini, incaricato di ristrutturare la residenza nel XVIII secolo.

Oggi Palazzo Reale ospita mostre d'arte di grande successo. Grazie alla collaborazione con musei italiani e internazionali, il programma è sempre interessante. Vi consiglio di dare un'occhiata al sito ufficiale per vedere il programma completo. È aperto dal martedì alla domenica, dalle 10:00 alle 19:30. Il giovedì l'orario di chiusura è esteso fino alle 22:30.

7. Ammirate il panorama

Piazza del Duomo dal Duomo| ©Guilhem Vellut
Piazza del Duomo dal Duomo| ©Guilhem Vellut

Salire sulla terrazza del Duomo non è l'unico modo per godere di una buona vista. La cattedrale è circondata da bar e ristoranti panoramici che permettono di ammirare statue e guglie da una posizione privilegiata. Continuate a leggere per scoprire dove sono nascosti:

  • Arengario, il ristorante del Museo del Novecento. È stata l'ultima creazione di Giacomo Bulleri, un imprenditore della ristorazione che è stato una vera e propria leggenda in Italia. Personaggi famosi come Michelle Obama, Woody Allen e Rania di Giordania, tra gli altri, hanno cenato nei suoi ristoranti. Aperto tutti i giorni dalle 12:00 alle 00:00 (Via Guglielmo Marconi 1).
  • Terrazza Duomo 21, un lounge bar dove tutto è curato nei minimi dettagli. L'aperitivo viene servito dalle 18:00 alle 21:30 e, una volta terminato, un dj set anima la serata fino alle 2:00 (Piazza Duomo 21).
  • Food Hall, la terrazza del grande magazzino "La Rinascente". Aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 23:00 (Corso Vittorio Emanuele II).
  • Il Dome, un ristorante sul tetto a pochi passi dalla Cattedrale. Vi consiglio di prenotare al mattino; godrete di una colazione spettacolare che comprende opzioni dolci (torta della Foresta Nera, pancake, croissant, ecc.) e salate (omelette, avocado toast, uova strapazzate). Il rooftop è aperto dalle 20:30 a mezzanotte. Si consiglia la prenotazione (Via Giuseppe Mazzini 2).
  • Il Mercato del Duomo, lo spazio dedicato alla gastronomia transalpina. È suddiviso in quattro aree, ognuna con le proprie peculiarità e una vista impareggiabile sulla chiesa: ** Motta Milano 1928**(bar storico), Terrazza Aperol (ideale per l'aperitivo), Saporè ( purtroppo l'unico senza finestre, ma vale la pena prenotare per provare la pizza d'autore) e Spazio Niko Romito, un ristorante di cucina italiana contemporanea (Piazza Duomo, accesso dalla catena di ristoranti Spizzico sotto i portici).

Prenota la tua escursione al Lago di Como da Milano

8. Cucurucho o tazza? Gustare un buon gelato

Heladeria Artico| ©Charles W
Heladeria Artico| ©Charles W

Se visitate il capoluogo lombardo in primavera o in estate, un gelato rinfrescante è il modo ideale per ravvivare una passeggiata. Intorno al Duomo ci sono decine di locali, ma non tutti sono della stessa qualità.

Essendo in una zona turistica molto frequentata, è importante fare la scelta giusta. Fortunatamente, la piazza più centrale di Milano offre due opzioni altamente raccomandate:

  • Venchi Cioccolato & Gelato, la gelateria di uno storico marchio di cioccolato del paese transalpino: Venchi. Dal 2007, le loro creazioni deliziano i palati di italiani e turisti. Utilizza ingredienti di qualità con particolare attenzione al cioccolato, alle nocciole del Piemonte e al pistacchio di Bronte (Via Mengoni 1 angolo Via Tommaso Grossi).
  • Artico, un mini-franchising milanese con quattro punti vendita in città. Il suo gelato ha ricevuto il riconoscimento della Guida del Gambero Rosso, una delle più prestigiose del Paese (Via Dogana 1).
  • Cioccolati Italiani, la Mecca dei cioccolatieri. Per la preparazione dei gelati viene utilizzata una sola varietà di cacao: il "fino de aroma", che si distingue per i suoi sapori fruttati e floreali (Via San Raffaele 6).

9. Raggiungere la vicina Piazza dei Mercanti

Piazza dei Mercanti| ©Stefano Stabile
Piazza dei Mercanti| ©Stefano Stabile

Vicino a via Dante, a pochi metri da Piazza Duomo, si trova Piazza dei Mercanti. Questo spazio urbano era il centro di Milano nel Medioevo e la sua importanza è testimoniata dagli edifici che lo circondano: il Palazzo della Ragione, Casa Panigarola, le Scuole Palatine e la Loggia degli Osii.

Cogliete l'occasione per scoprire un fenomeno particolare: l'eco della loggia. Mettetevi accanto a un pilastro della Loggia dei Mercanti mentre una seconda persona si trova sul pilastro posto obliquamente. Se parlate vicino al pilastro, vi accorgerete che sia voi che l'altro potete sentire ogni parola. Si ritiene che questo sistema fosse utilizzato dai mercanti.

10. Acquistare un souvenir gastronomico

Peck di Milano| ©Anibal Castellanos
Peck di Milano| ©Anibal Castellanos

Nei pressi del Duomo si trova il tempio della gastronomia milanese: Peck's. Deve il suo nome al praghese Francesco Peck, trasferitosi a Milano nel 1883. Deve il suo nome al praghese Francesco Peck, trasferitosi a Milano nel 1883. Era un salumiere e il suo negozio era specializzato in carni stagionate e affumicate. Il negozio si trova in Via Spadari 9, a pochi metri dalla statua equestre di Vittorio Emanuele II.

Oggi Peck offre il meglio dei prodotti gastronomici made in Italy: cubetti di paté con la scritta "Peck" in rilievo, insalata russa, vitello tonnato, formaggi freschi e stagionati, prosciutto, porcini e centinaia di altre delizie per il palato. C'è anche un'eccellente cantina con vini rossi, bianchi e spumanti.

Vale la pena soggiornare in Piazza Duomo?

Pittura in Piazza Duomo| ©Ralf Steinberger
Pittura in Piazza Duomo| ©Ralf Steinberger

Certo che si può! Senza dubbio, questa piazza è il luogo più iconico della città e non c'è niente di meglio che poter vedere la sagoma della cattedrale dalla propria camera. Chiaramente i prezzi sono in linea con la zona.

Tenete presente che di notte non c'è molto rumore (a meno che non ci sia una manifestazione o un evento) perché la vita notturna è concentrata in altre zone.

Devo prendere la metropolitana per spostarmi nel centro di Milano?

Metropolitana di Milano| ©Lara Parmeggiani
Metropolitana di Milano| ©Lara Parmeggiani

Non necessariamente. A pochi passi dal Duomo si trovano diversi monumenti e punti di interesse. Percorrendo Via Dante si raggiunge facilmente il Castello Sforzesco di Milano, una fortezza circondata dallo storico Parco Sempione.

Si può anche visitare la terrificante chiesa di San Bernardino alle Ossa. Al suo interno si nasconde un ossario le cui pareti sono decorate con migliaia di ossa umane. Si trova in Piazza Santo Stefano.

Nei pressi della cattedrale sorge un edificio di fama mondiale: il Teatro alla Scala. Il museo presenta i più grandi esponenti dell'opera e della danza e merita sicuramente una visita. Per maggiori informazioni, vi consiglio di leggere il post sui biglietti e su come visitare il Teatro alla Scala dall'interno.

Prenota la tua visita al Teatro alla Scala di Milano