I cookie ci aiutano a offrire i nostri servizi. Utilizzando il nostro sito Web, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Saperne di più.

Visita la Pinacoteca di Brera di Milano

La Pinacoteca di Milano (nota anche come Pinacoteca di Brera) ospita la migliore collezione d'arte italiana, che comprende opere di Tintoretto, Caravaggio, Andrea Mantegna e Raffaello, tra le tante. Ecco gli orari di apertura, i prezzi e le migliori opzioni per visitarlo.

Carla Yaquer

Carla Yaquer

10 minuti di lettura

Visita la Pinacoteca di Brera di Milano

Pinacoteca di Milano | ©Julien Maury

La Pinacoteca di Brera è una parte essenziale di un percorso culturale completo nel capoluogo lombardo. Sebbene l'attrazione principale della città sia il Castello Sforzesco, a sole due strade di distanza si trova questo museo, una tappa obbligata quando si pianifica cosa vedere e fare a Milano.

La collezione di questo tempio dell'arte spazia dalla celebre Sacra Famiglia del Bramantino alla Madonna con angeli di Andrea Mantegna. Ci sono più di 400 opere rinomate. Senza dubbio, questo è un paradiso per gli amanti dell'arte e per chi è interessato alla cultura generale.

Quanto costano i biglietti per la Pinacoteca di Milano?

Fuori dalla Pinacoteca| ©Julien Maury
Fuori dalla Pinacoteca| ©Julien Maury

L'ingresso generale alla Pinacoteca di Milano può essere acquistato per circa 15 €.

I biglietti devono essere acquistati online e in anticipo, poiché la biglietteria del museo è solo per l'assistenza ai visitatori e non vende biglietti.

Biglietti a prezzo ridotto, chi può acquistarli?

  • I cittadini anziani di età superiore ai 65 anni hanno una tariffa preferenziale il martedì e il mercoledì. Il loro biglietto costa 1 euro.
  • I cittadini della Comunità europea di età compresa tra i 18 e i 25 anni pagano il biglietto solo 2 euro.
  • I cittadini italiani con un certificato di disoccupazione pagano solo 5 euro.
  • I cittadini di Norvegia, Islanda, Svizzera e Principato del Liechtenstein pagano il biglietto solo 2 euro.

Il consiglio di Carla

I biglietti non comprendono l'audioguida. Il costo aggiuntivo è di 5 €. Vi consiglio di prenderlo, a meno che non siate esperti d'arte o abbiate una visita guidata.

Esistono visite guidate alla Pinacoteca di Milano e ne vale la pena?

Pinacoteca, la principale galleria pubblica di dipinti| ©George M Groutas
Pinacoteca, la principale galleria pubblica di dipinti| ©George M Groutas

Certo che si può, soprattutto se non si è intenditori d'arte e si è interessati alla storia delle opere, agli stili, ai messaggi e alle curiosità di ogni pezzo.

Per i gruppi sono disponibili audioguide con un supplemento di 2 euro. Queste audioguide includono cuffie monouso che devono essere utilizzate da tutti i gruppi di 3 o più persone, a meno che la Pinacoteca non autorizzi un'eccezione.

È meglio prenotare i biglietti in anticipo sul loro sito web, chiamando il numero +39 02 72105141 o inviando un'e-mail a [email protected]. Vi diranno se potete fare a meno delle radioguide.

Ricordate che si tratta di cinque secoli di storia, tradizione e cultura. Inoltre, l 'audioguida non è offerta in inglese o spagnolo, ma solo in italiano o inglese.

Chi può entrare gratuitamente in Pinacoteca?

Pinacoteca di Brera| ©George M. Groutas
Pinacoteca di Brera| ©George M. Groutas
  • Persone con disabilità certificata. Se è necessario un accompagnatore, anche quest'ultimo avrà diritto alla stessa prestazione.
  • Cittadini italiani residenti all'estero che presentano il certificato (AIRE).
  • Insegnanti di italiano con certificazione MIUR.
  • Membri dei Musei della Lombardia.
  • Membri dell'I.C.C.R.O.M.. Devono presentare una tessera valida.
  • Ispettori e curatori onorari del Ministero della Cultura italiano.
  • Personale militare del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale italiano.
  • Insegnanti e studenti di:
  1. L'Accademia Italiana di Belle Arti o il suo equivalente nella Comunità Europea.
  2. Architettura, Conservazione dei Beni Culturali, Scienze dell'Educazione, Letteratura d'Arte o Archeologia di Università italiane o equivalenti nella Comunità Europea.
  3. Corsi di formazione avanzata presso le Scuole del Ministero della Cultura italiano.

La Pinacoteca si riserva il diritto di concedere questo privilegio ad altri gruppi al fine di tutelare il museo e promuovere lo studio dell'arte in Italia.

I biglietti per la Pinacoteca di Brera sono inclusi nei pass turistici della città?

Museo della Scala, Milano| ©Veselina Dzhingarova
Museo della Scala, Milano| ©Veselina Dzhingarova

No, i pass turistici come il Milano Pass consentono l'ingresso alla Pinacoteca Ambrosiana ma non alla Pinacoteca di Brera. Tuttavia, essendo il quartiere di Brera il quartiere bohémien del lusso, è stato creato il Passaporto La Grande Brera.

Visitando 5 punti di interesse di Brera, come Palazzo Citterio o il Museo del Teatro alla Scala, potrete riempire i timbri del vostro passaporto e ottenere l'ingresso gratuito alla Pinacoteca di Brera!

Come raggiungere la Pinacoteca di Milano

La metropolitana di Milano| ©Fred Romero
La metropolitana di Milano| ©Fred Romero

L'indirizzo della Pinacoteca di Milano è Via Brera, 28, 20121 Milano. Grazie alla sua posizione centrale nel capoluogo lombardo, è possibile raggiungere il museo in diversi modi:

  • In autobus: Con le linee urbane 61 e 57.
  • In metropolitana: Palazzo de Breda è raggiungibile con la linea 2 Lanza, la linea 3 Montenapoleone o la linea 1 Cairoli.
  • In tram: Si collegherà con le linee 1, 4, 8, 12, 14 e 27.
  • In auto: si può arrivare da Via Brera 3, dove c'è un parcheggio.

Prenota una visita guidata di Milano

Attività per famiglie alla Pinacoteca di Brera

Pinacoteca di Brera| ©Michele M. F.
Pinacoteca di Brera| ©Michele M. F.

Una delle attività per famiglie proposte dalla Pinacoteca di Brera è il progetto Arte Orto, nato con l'idea di coniugare arte e giardino.

I percorsi offrono ad adulti, famiglie e bambini una serie di itinerari botanici artistici, pensati per focalizzare l'attenzione sulle diverse tipologie di piante officinali rappresentate nella Pinacoteca di Brera e metterle in relazione con le loro sorelle dell'Orto Botanico.

Il progetto è iniziato nel 2014, sotto la direzione del complesso museale di Brera (Museo Poldi Pezzoli, Museo del Novecento e Palazzo della Ragione) in collaborazione con Aboca Spa. Vi consiglio di controllare in anticipo il calendario delle attività.

D'altra parte, quando il budget o il tempo non sono sufficienti per visitare la Pinacoteca di Brera all'interno, si può optare per un tour in bicicletta di Milano e passeggiare nel cortile interno dell'edificio, a cui si può accedere gratuitamente.

Prenota un tour in bicicletta a Milano

Cosa non perdere alla Pinacoteca di Milano

La cena di Emmaus di Caravaggio| ©Rodney
La cena di Emmaus di Caravaggio| ©Rodney

Alla Pinacoteca di Brera potrete ammirare un vasto elenco di opere, il più completo in Italia secondo gli esperti. Le sue origini risalgono al 1571, quando i gesuiti iniziarono la costruzione del Palazzo di Brera per trasformarlo in un prestigioso collegio. In seguito, l'imperatrice Maria Teresa d'Austria fondò la Pinacoteca nel 1776 insieme all'Accademia di Belle Arti.

Una curiosità: all'ingresso si viene accolti da una sfinge di Napoleone Bonaparte, che riaprì il luogo il 15 agosto 1809, giorno del suo compleanno. L'intenzione del militare era quella di raccogliere il maggior numero possibile di dipinti provenienti dalle zone italiane conquistate, simbolo di potere, per questo lo trasformò in un museo.

Come è suddivisa la Pinacoteca di Brera

La Pinacoteca di Brera è composta da 38 sale. In esse si trovano le opere organizzate secondo due criteri. In primo luogo, in ordine cronologico e, in secondo luogo, in base all'artista o alla scuola di appartenenza.

La più famosa collezione di opere d'arte di Milano non si trova solo a Palazzo Brera, perché ci sono altre aree molto interessanti.

Le sue opere più importanti

La collezione di opere di questo museo riunisce una vasta gamma di affreschi. Alcuni media, come il Telegraph, affermano che ci sono più di 500 gemme artistiche, altri dicono che il numero si aggira intorno ai 450 pezzi tra cui Canaletto, Raffaello, Modigliani, Bramante, Rubens, Tiziano, Rembrandt e altri ancora.

Anche se non è chiaro il numero di pezzi della collezione, esiste una top 10 di opere della Pinacoteca di Brera che sono spesso al centro dell'attenzione degli appassionati d'arte:

  • La Cena in Emmaus di Caravaggio.
  • Il bacio di Francesco Hayes.
  • Il Compianto sul Cristo morto di Andrea Mantegna.
  • La Promessa di matrimonio della Vergine di Raffaello.
  • Cristo alla colonna di Donato Bramante.
  • Madonna con Santi e Federico di Montefeltro come donatore di Piero della Francesca.
  • Nature morte di Giorgio Morandi.
  • La Vergine del Monte Carmelo di Giovanni Battista Tiepolo.
  • La Pietà di Giovanni Bellini.
  • Il Miracolo di San Marco di Tintoretto.

Sapevate che

Sapevate che alcuni classici della Pinacoteca di Brera sono così ambiti da aver raggiunto il mercato dei NFT? Sì, tutti vogliono mettere le mani sulle copie digitali certificate e vi state ancora chiedendo se sia il caso di visitare il museo?

La Biblioteca Nazionale Braidense

Meglio conosciuta come Biblioteca di Brera, fu fondata nel 1770 da Maria Teresa d'Asburgo-Lorena, ma le sue porte furono aperte al pubblico solo nel 1786. È una parte essenziale dell'offerta culturale della città. È specializzato in arte, letteratura e studi curatoriali. La Biblioteca Nazionale Braidense si affaccia direttamente su Piazza Brera, uno degli antichi palazzi del centro storico di Milano.

Il Museo Astronomico di Brera

Con la sua trentina di strumenti scientifici dedicati alla ricerca sul cosmo, come il telescopio Amici di Schiaparelli, è unico per il prestigio che rappresenta.

Il Museo Astronomico di Brera gode di rilevanza sociale per il suo impegno nello sviluppo scientifico. Se cercate cose da fare a Milano in primavera o in autunno, questa è la tappa ideale, soprattutto tra maggio e luglio, quando le attività culturali saranno all'ordine del giorno.

Il giardino botanico

Un luogo unico per fare una pausa dall'architettura e abbandonarsi alla natura. L'Orto Botanico è considerato il piccolo polmone verde per la sua vicinanza al Parco Sempione.

Se visitate il Castello di Milano, capirete il motivo del suo soprannome, mentre i fiori, gli alberi e gli ornamenti disegnano un paesaggio da 10 davanti ai vostri occhi.

Quanto dura la visita alla Pinacoteca?

Pinacotecade Milano| ©Pierre André
Pinacotecade Milano| ©Pierre André

I visitatori hanno a disposizione 90 minuti per visitare la Pinacoteca di Brera durante ogni visita.

È importante ricordare che il calendario di ammissione è rigido. Per entrare nel museo avrete a disposizione fino a 15 minuti dopo l'orario indicato sul biglietto.

In caso di superamento di questa finestra temporale, l'ingresso sarà deserto. Si consiglia di arrivare 5 minuti prima dell'orario indicato sul biglietto per evitare inconvenienti.

Quante persone possono visitare la Pinacoteca in gruppo?

Per fornire la migliore attenzione che i visitatori richiedono e per prendersi cura del museo, ad ogni turno possono entrare al massimo 24 persone, compresa l'eventuale guida.

Quali sono gli orari di apertura della Pinacoteca?

Pinacoteca di Brera| ©Pierre André
Pinacoteca di Brera| ©Pierre André

Da martedì a domenica dalle 8.30 alle 19.15. Questi orari di apertura sono validi tutto l'anno, tranne il lunedì, il 1° gennaio, il 1° maggio e il 25 dicembre, quando il museo è chiuso.

Consigli per visitare la Pinacoteca di Milano

L'interno della Pinacoteca| ©Nathan Hughe
L'interno della Pinacoteca| ©Nathan Hughe
  • Presentatevi puntuali all'orario del biglietto. Sono rigorosi su questo punto.
  • Indossare scarpe comode. Sono 24.000 metri quadrati e la visita dura 90 minuti.
  • Assumete una guida. Lo spazio è molto grande e l'audioguida non è disponibile in inglese. Un esperto locale sarà in grado di assistervi, di fornirvi informazioni e dati rilevanti per il vostro tour.

Qual è il negozio della Pinacoteca di Brera a Milano?

La pittura alla Pinacoteca| ©Roger W
La pittura alla Pinacoteca| ©Roger W

La filosofia di Brera è quella di studiare l'arte per conoscerla, rispettarla e custodirla. È così che è diventata la "bohème del lusso" e, in linea con questa missione, ha aperto i battenti il negozio della Pinacoteca di Brera: la Bottega Brera.

Questo spazio esprime la profonda identità culturale di Milano. Qui troverete una libreria, una collezione di oggetti di design, abbigliamento, gioielli e souvenir da portare a casa. Dal cortile d'onore del Palazzo di Brera potrete portare a casa un souvenir.

  • Orari di apertura della Bottega Brera: da martedì a domenica dalle 10:00 alle 19:00. L'accesso a quest'area è gratuito.

Dove mangiare vicino alla Pinacoteca di Brera a Milano

Cibo italiano| ©Cory Doctorow
Cibo italiano| ©Cory Doctorow

Ci sono molte opzioni per fermarsi a mangiare un buon piatto napoletano nel quartiere di Brera, ma vi segnalo un posto tra i primi 5 che non delude:

  • Ristorante Nabucco Il suo impegno è rivolto alla cucina classica italiana. I suoi risotti, le milanesi e le paste fresche non deludono e il tiramisù di questo ristorante è descritto da molti come una vera e propria prelibatezza. Non perdetelo, tutti i commensali sottolineano la qualità dei prodotti di questo dessert, una prelibatezza imperdibile. Si trova in Via Fiori Chiari 10, 20121.
  • Tramé: se cercate una sosta veloce per continuare la vostra escursione, il Tramé è la soluzione. Vendono succulenti panini in stile veneziano. I prezzi sono accessibili e soddisfano tutti i gusti. A partire da 7 € potrete gustare un panino e uno spritz, non vi sembra bello? Li trovate in Piazza San Simpliciano Corso Garibaldi 22, 20121.
  • Ristorante Lucca: il loro menu è versatile e soddisfa tutti i gusti. Includono una varietà di cibi tradizionali, vegani, vegetariani e senza glutine. Lo stile della Toscana e dell'Italia centrale sono i temi centrali della loro cucina. Questo ristorante è spesso visitato da clienti in cerca di una cena che rimangono per il servizio, la musica, il buon cibo e la possibilità di essere serviti in spagnolo. Si trova in Via Panfilo Castaldi 33, 20124.
  • La Tartina: un locale di tapas nel quartiere di Brera, avete detto, La Tartina è la risposta. Questo luogo tranquillo è ideale per gustare una birra ghiacciata accompagnata da bruschette italiane, la versione locale delle tapas, qui molto più abbondanti, in stile casalingo milanese. Ordinate il tagliere di salumi e formaggi o le tartine gourmet: sono deliziosi. Si trova in Via San Carpoforo 4, zona Brera, 20121.
  • Carminio: In questo locale si può mangiare qualsiasi piatto, ma le insalate e le zuppe sono di un altro livello. Ogni piatto è più sontuoso e ricco del precedente. Situato in Via del Carmine 3, 20121.

Il tour virtuale della Pinacoteca di Brera

Milano, Pinacoteca| ©Olivier Bruchez
Milano, Pinacoteca| ©Olivier Bruchez

La Scuola di Belle Arti ha creato un catalogo virtuale contenente circa 600 opere d'arte.

Una sintesi sulla storia degli affreschi, gli artisti che li hanno realizzati, l'ispirazione e la data di creazione sono disponibili sul sito della Pinacoteca di Milano in inglese e in italiano.

Potresti anche essere interessato a visitare vicino alla Pinacoteca

Teatro alla Scala, Milano| ©George M. Groutas
Teatro alla Scala, Milano| ©George M. Groutas

Prenota una visita guidata al Teatro alla Scala di Milano