I cookie ci aiutano a offrire i nostri servizi. Utilizzando il nostro sito Web, acconsenti all'utilizzo dei cookies. Saperne di più.

Cose da non perdere al Palazzo Ducale di Venezia

Da Tintoretto a Veronese, dalle facciate gotiche a quelle rinascimentali, dai saloni alle scale placcate d'oro, visitare Palazzo Ducale è una meraviglia per i sensi! Se volete sapere cosa troverete all'interno, date un'occhiata alle informazioni condivise di seguito.

Katherine Betances

Katherine Betances

9 minuti di lettura

Cose da non perdere al Palazzo Ducale di Venezia

Venezia, Italia | ©Lucija Kanizaj

Palazzo Ducale è una delle principali attrazioni turistiche di Venezia, una tappa obbligata per tutti i visitatori. È quasi impossibile trovare Piazza San Marco senza turisti, anche nei periodi di bassa stagione. La popolarità di questo edificio unico è dovuta a due motivi principali: l'impressionante bellezza della sua architettura e il gran numero di opere d'arte che ospita al suo interno.

Se avete già i biglietti per Palazzo Ducale, ecco i punti salienti da non perdere per godervi ancora di più la visita.

1. Il Museo dell'Opera

Interno del Museo dell'Opera| ©MuVE
Interno del Museo dell'Opera| ©MuVE

Ospitato in quello che un tempo era un ufficio tecnico incaricato dei lavori di manutenzione del palazzo, il Museo dell'Opera espone pezzi importanti del passato del palazzo. Nel corso della sua storia, il Palazzo Ducale è stato ristrutturato più volte a causa di incendi, cedimenti strutturali e del deterioramento del tempo.

A partire dal 1876 fu avviato un importante piano di restauro che interessò le due facciate principali e i capitelli del piano terra. 42 capitelli sono stati sostituiti da copie, mentre gli originali, dopo lunghe riparazioni, sono stati collocati con le altre sculture della facciata nel Museo dell'Opera. Questo spazio è ideale per ammirare da vicino dettagli di pezzi originali che sarebbero impossibili da vedere in altri ambienti.

Prenota i tuoi biglietti per Palazzo Ducale

2. Cortile

Nel cortile di Palazzo Ducale| ©Hindol Bhattacharya
Nel cortile di Palazzo Ducale| ©Hindol Bhattacharya

Se è vero che tutti gli elementi che compongono la facciata esterna di Palazzo Ducale corrispondono a imponenti punti di riferimento architettonici e vere e proprie iconeveneziane, non è meno vero che il cortile interno è altrettanto imponente. Da quest'area si possono apprezzare con un rapido sguardo le facciate interne delle tre ali del Palazzo.

La Porta della Carta è l'elemento che conduce attraverso l'Arco Foscari da Piazza San Marco al cortile centrale. L'intera facciata del cortile è un'opera di chiara impronta rinascimentale, con una ricca successione di arcate e ornamenti costituiti da lesene, fregi e oculi. Accanto all'Arco del Foscari si trova la bella facciata dell'orologio, costruita nel 1615 da Monopola.

Prenota una visita guidata a Palazzo Ducale

3. Scale monumentali

Scala del cortile di Palazzo Ducale| ©Sergey Galyonkin
Scala del cortile di Palazzo Ducale| ©Sergey Galyonkin

A Palazzo Ducale i dettagli sono ovunque; due punti salienti sono le scale principali.

Scala dei Giganti

Collega il cortile interno centrale del palazzo con la logica interna del primo piano. Un tempo era lo spazio in cui si svolgeva la tradizionale cerimonia di incoronazione ducale. Coronata in alto da due statue colossali (i giganti) che rappresentavano il dominio della grande Venezia sulla terra e sul mare. Le statue scolpite in marmo dal Sansovino rappresentano Marte e Nettuno e furono collocate nel 1567.

Scala d'oro

Chiamata anche Scala d'Oro, è la naturale prosecuzione della Scala dei Giganti e si trova all'interno del Palazzo, così chiamata per le ricche decorazioni in stucco bianco e foglia d'oro che ricoprono la volta sopra la scala interna, eseguite da Alessandro Vittoria. Le due rampe di scale dorate collegano il piano della loggia con i due piani superiori, ognuno dei quali è accolto da un vestibolo con grandi finestre.

Prenota una visita guidata a Palazzo Ducale

4. Sala del Maggior Consiglio

Sala del Maggior Consiglio| ©MuVE
Sala del Maggior Consiglio| ©MuVE

Costruita nell'arco di 15 anni, tra il 1340 e il 1355, la Sala del Gran Consiglio è considerata lo spazio interno più imponente del Palazzo, sia per le dimensioni che per l'armonia delle proporzioni e la ricchezza delle decorazioni. Era la sede della Camera del Parlamento veneziano, il che implica che, nel corso dei secoli, tutte le principali decisioni riguardanti la città venivano prese qui.

Visitando il Palazzo Ducale e la Sala del Maggior Consiglio si deve prestare particolare attenzione al soffitto, ricco di pannelli dipinti a mano dal Veronese che raffigurano la città di Venezia circondata dagli dei e incoronata dalla Vittoria. Per quanto riguarda l'arte alle pareti, si potevano trovare opere di pittori come Bellini, Tiziano e Pisanello, ma gran parte delle opere andarono distrutte nell'incendio del 1577.

5. Sala delle Quattro Porte

Sala delle Quattro Porte| ©Ricardalovesmonuments
Sala delle Quattro Porte| ©Ricardalovesmonuments

Situata al primo piano del Palazzo, il nome Quattro Pote si riferisce alle quattro porte, ornate di marmi pregiati e splendide sculture, che fungono da accesso alla sala, nonché una delle caratteristiche architettoniche più belle dell'intera sala. Fu progettata da uno dei più importanti architetti veneziani dell'epoca, Andrea Palladio; all'interno della sala si trovano affreschi del Tintoretto sul soffitto e dipinti di Tiziano e Tiepolo alle pareti.

Prima dell'incendio, questa sala era la sede del Collegio dove si tenevano le riunioni della Signoria, poi divenne la sala d'attesa per le udienze del Senato e della Signoria.

Prenota i tuoi biglietti per Palazzo Ducale

6. Sala dell'Anticollegio

Sala dell'Anticollegio| ©Luigi Querena
Sala dell'Anticollegio| ©Luigi Querena

In passato, la Sala dell'Anticollegio era il luogo d'onore che precedeva la residenza della Signoria. Anche gli elementi decorativi e architettonici di questa sala sono il risultato di un lavoro successivo all'incendio, basato sui progetti di Palladio e Rusconi.

L'opera d'arte della sala è una magnifica volta ricoperta da stucchi e affreschi riccamente elaborati di Paolo Veronese. Di particolare interesse e importanza per la storia dell'arte sono le tele alle pareti che espongono opere di alcuni dei più importanti artisti veneziani del XVI secolo, come Tintoretto e Jacopo Bassano.

7. Sala del Collegio

Sala del Collegio| ©Zairon
Sala del Collegio| ©Zairon

La Sala del Collegio è lo spazio all'interno di Palazzo Ducale dove si tenevano le riunioni del Gabinetto alla presenza del Doge; questa lussuosa sala è anche il luogo in cui venivano ricevuti i visitatori importanti. L'armonia esibita dalla sua ricca decorazione interna e i dettagli ovunque si guardi le hanno fatto guadagnare il titolo di sala più bella del Palazzo.

L'interno presenta diversi elementi interessanti, come il soffitto a volta, i cui undici dipinti sono considerati l'opera più famosa ed eccezionale di Paolo Varonesse; le opere sono a loro volta incorniciate da elaborati intagli in legno realizzati da talentuosi artigiani come Francesco Bello e Andrea da Faenza.

In questa sala è esposto il grande dipinto del Veronese del 1578 che raffigura il Doge che ringrazia per la vittoria sui Turchi, e infine le pitture murali del Tintoretto e dei suoi allievi che adornano le pareti.

8. Sala del Senato

Sala del Senato| ©Zairon
Sala del Senato| ©Zairon

La Sala delle Quattro Porte è l'area che conduce alla Sala del Senato, una sontuosa sala con splendide decorazioni che fungeva da luogo di riunione del Senato veneziano. Qui venivano prese le direttive politiche e ogni tipo di decisione importante che avrebbe definito la vita e il futuro di Venezia.

A livello artistico, questa sala è descritta dagli esperti d'arte veneziana come "ricca e solenne", grazie agli splendidi intarsi e all'uso del colore oro nella decorazione. La sala è stata progettata da Andrea Palladio e visitando questo maestoso spazio troverete, come nel resto di Palazzo Ducale, squisite opere d'arte di artisti come Tintoretto e Jacopo Palma.

Prenota la tua escursione a Palazzo Ducale

9. Sala del Consiglio dei Dieci

Sala del Consiglio dei Dieci| ©Shay Tressa DeSimone
Sala del Consiglio dei Dieci| ©Shay Tressa DeSimone

Non lasciate Palazzo Ducale senza aver visitato il Consiglio dei Dieci, uno spazio che mostra un lato un po' più oscuro della storia di questa bellissima città. La Sala del Consiglio dei Dieci era una sorta di tribunale segreto di Stato che operava in collaborazione con la polizia segreta veneziana per controllare tutti gli aspetti della vita pubblica e privata della città.

Ai giorni nostri non rimane nulla dell'arredamento originale della sala. Con i suoi rivestimenti in legno e i suoi dipinti di pregio, è necessario prestare particolare attenzione agli affreschi del lussuoso soffitto, tra cui "Giove che scaglia fulmini contro il vizio" di Veronese (una copia, poiché l'originale fu confiscato da Napoleone e si trova al Louvre) e "Giunone che offre la corona ducale a Venezia", sempre di Veronese.

10. Armeria del Palazzo

Nell'armeria del Palazzo| ©Shay Tressa DeSimone
Nell'armeria del Palazzo| ©Shay Tressa DeSimone

Se siete appassionati di strani oggetti d'altri tempi o se avete un qualche interesse per il passato militare di Venezia, non mancate di visitare la Sala delle Armi di Palazzo Ducale.

Inizialmente utilizzata come semplice magazzino per gli armamenti, oggi la sala è stata ristrutturata e sistemata per presentare una straordinaria collezione di armature, balestre, spade e mazze del XV e XVI secolo. Qui si trovano anche rudimentali armi da fuoco dell'epoca, una delle quali chiamata archibugio, considerata dagli storici l'antesignana della moderna mitragliatrice.

11. Facciate

Facciata| ©Son of Groucho
Facciata| ©Son of Groucho

Considerato uno dei capolavori dell'architettura gotica veneziana, la prima cosa da ammirare di Palazzo Ducale è l'imponenza delle sue facciate. La pesante struttura sembra essere un'allegoria di Venezia, dove la solida massa che costituisce l'ultimo piano del palazzo si erge su delicate colonne di marmo istriano.

Facciata verso la banchina

Considerata una delle due facciate principali del palazzo, la facciata del molo è lunga 71,5 metri e si sviluppa su 17 archi. I primi due livelli colonnati sono coronati in superficie da un imponente pavimento di marmo intarsiato su cui sono state collocate eleganti finestre con archi a sesto acuto. Su questo lato si trova l'ingresso pubblico al palazzo, attraverso la Porta del Frumento.

Facciata verso la Piazzetta

Sebbene sia praticamente identica nella forma e nel design alla facciata del molo, la facciata della piazza è un po' più lunga, con i suoi 75 metri di lunghezza, ed è stata costruita in anni successivi.

Facciata verso il Rio di Palazzo

L'ala più recente del complesso è la facciata laterale sul Rio di Palazzo, commissionata nel 1483 dopo l'incendio che devastò gran parte del Palazzo Ducale. Su questa facciata è stato collocato il famoso Ponte dei Sospiri, che collega il palazzo alle nuove prigioni.

Prenota la tua escursione a Palazzo Ducale

12. Porta della Carta

Ingresso al Palazzo noto come
Ingresso al Palazzo noto come "Porta della Carta".| ©MuVE

Questa grande porta funge da collegamento tra Palazzo Ducale e la Basilica di San Marco. Il suo nome si traduce in inglese come "Letter Gate" (porta delle lettere) e si ritiene che derivi dai tempi in cui i veneziani erano soliti aspettare davanti ad essa per presentare le loro petizioni alle autorità.

Realizzato nel XV secolo dai fratelli Bon, è considerato, insieme alla Ca' d'Oro, una delle più belle manifestazioni dello stile gotico florido veneziano. La maestosa porta presenta figure ornamentali intagliate a mano con una figura allegorica del ducaFrancesco Foscari inginocchiato davanti al Leone di San Marco e alle statue di Adamo ed Eva. La sezione scultorea decorativa della porta era un tempo dipinta in oro; è completata dall'ornamento di colonne, nicchie e torrette.

13. Ponte dei Sospiri

Ponte dei Sospiri| ©Fred Romero
Ponte dei Sospiri| ©Fred Romero

Il Ponte dei Sospiri fu costruito nel 1614 per collegare il Palazzo Ducale con l'edificio destinato alle Prigioni Nuove. Il ponte attraversa il Rio del Palazzo e la sua architettura esterna, non visibile durante la visita interna, mostra chiare influenze barocche. Se volete apprezzare l'architettura del ponte nel dettaglio, dovete recarvi sulla facciata della banchina e salire sul Ponte della Paglia, da dove potrete scattare magnifiche fotografie del Ponte dei Sospiri.

Il singolare nome è stato coniato per le piccole finestre che compongono la struttura chiusa del bellissimo ponte. Alcune storie raccontano che attraverso questi vuoti di luce, i condannati senza speranza guardavano per l'ultima volta la splendida laguna e sospiravano per la paura del destino che li attendeva.

Prenota la tua escursione a Palazzo Ducale

14. Carceri

Carceri| ©Depositofotos
Carceri| ©Depositofotos

L'ingresso regolare a Palazzo Ducale non comprende l'accesso all'area delle prigioni e allo spazio in cui, nel 1755, l'intrepido Giacomo Casanova compì la sua leggendaria fuga. Tuttavia, alcune visite ed escursioni private conducono piccoli gruppi di turisti attraverso le celle sotterranee del palazzo, umide e poco illuminate.

L'accesso a questa zona avviene attraverso il Ponte dei Sospiri, considerato uno dei più belli di tutti i ponti veneziani. Se avete l'opportunità di camminare per le prigioni tetre e inabitabili, capirete la disperazione e l'angoscia delle anime condannate che hanno sofferto l'agonia della prigionia nella loro stessa carne.

Nella cella numero 10 dei pozzi fu imprigionato nel 1549 Riccardo Perucolo, accusato di eresia luterana ai tempi dell'Inquisizione; anni dopo fu ritrovato un dipinto di Riccardo sepolto nella terra e nella calce.